“HENNÉ” è il nuovo singolo di LEONARDO ANGELUCCI (Goodfellas)

LEONARDO ANGELUCCI

Link al brano su Spotify: https://open.spotify.com/track/1GGZXKnCCfNaZLpzS6XWuv

“HENNÉ” è il nuovo atteso singolo di Leonardo Angelucci. Il brano segna l’inizio di un nuovo percorso musicale del cantautore romano, intrapreso allo Strastudio di Roma sotto la direzione artistica di Giorgio Maria Condemi.

Che tipo di canzone è, Leonardo?

“Si tratta di un brano indie rock, dal testo schietto e dalla melodia coinvolgente. Si articola come “un botta e risposta interiore” sul tema dell’inquietudine. Non ci sono giudizi, ma domande e sensazioni, e un mantra, nel ritornello, per sopravvivere alle proprie angosce: “Vivere è non pensare”, preso in prestito da Fernando Pessoa.

Il brano è stato registrato, mixato e masterizzato da Gianni Istroni.

IN FONDO, CHI E’ ANGELUCCI?

Leonardo Angelucci è un cantautore, chitarrista e produttore romano. Dal suo esordio con il disco “Questo frastuono immenso” nel 2018, ha vinto il premio del pubblico di Musicultura e il Premio Nuovo Imaie della Biennale Martelive, ha pubblicato un romanzo con Phasar Edizioni e ha suonato in tutta Italia.

Leonardo come nasce questo brano e come mai lo hai scritto, a chi ti rivolgi?


Ho scritto “Henné” mentre frequentavo il CET di Mogol, dopo una lunga chiacchierata con un collega cantautore sulle angosce e le preoccupazioni ci tormentano. Il ragazzo mi ha raccontato di come l’inquietudine lo avesse portato a percepire un senso di smarrimento, di come avesse avuto paura di “perdere il controllo”.

Il personaggio principale della canzone non è altro che questo “amico fragile”, così simile a me. Mettere nero su bianco il testo mi è servito a esorcizzare la negatività. Nel ritornello la figura femminile “salva” in qualche modo l’amico fragile dalla sua perdizione, dalla sua inquietudine. Per rendere il ritornello compiuto, quasi fosse un mantra, ho preso in prestito una frase di Pessoa, autore del “Libro dell’inquietudine”: “Vivere è non pensare”.

Leonardo Angelucci

Vita e percorso artistico di Leonardo Angelucci

Nato a Roma nel 1991, viene sedotto quasi subito dalle sei corde di una chitarra acustica. Crescendo coltiva i primi progetti: nel 2011 pubblica “Nightbus”, album originale della sua prima rock band “Black Butterfly”; nel 2014 pubblica “I’m free” con la prog-rock band “Lateral Blast”, seguito, nel maggio 2016, da “La luna nel pozzo

Inizia a lavorare sul suo progetto solista alla fine del 2016.

Registra e produce presso il Freedom Recording Studio “Contemporaneamente”, il suo primo ep, che esce a maggio 2017 per la Alka Record Label di Ferrara.

Dopo il Premio del Pubblico al Roma Videoclip con “Capigliatura” e tantissimi concerti in tutta Italia, vince il premio Indie al ponte e il contest su Lucio Battisti, guadagnando la partecipazione a due serate del MEI di Faenza.

Durante il 2017 suona in apertura a Coez, Giorgio Canali, Roberto Billi, Daniele Coccia Paifelman, Leo Pari e molti altri.

In autunno parte con Daniele Coccia Paifelman, cantautore folk e leader della storica folk band romana Il muro del canto, come chitarrista elettrico: insieme alla band, porta in tour il primo disco di Coccia, “Il cielo di sotto”.

Alla fine del 2017 entra in studio per registrare il suo primo album, sotto la direzione artistica di Manuele Fusaroli, noto produttore della scena indipendente (The Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti, Nada, Luca Carboni, Motta, Nobraino, Le luci della centrale elettrica, etc.) e Massaga Produzioni.

A febbraio 2018 è tra i 60 selezionati per le audizioni Live di Musicultura, su più di 800 iscritti; invece a marzo viene selezionato tra i 150 musicisti finalisti del contest 1M Next, che porta artisti indipendenti sul palco del Primo Maggio a Roma.

Nel mese di settembre conclude il “Breakin The Summer Tour”, con più di 500 ep venduti, una ristampa in deluxe edition e quasi 100 concerti in tutta Italia.

Il 19 ottobre dello stesso anno esce “Questo frastuono immenso”, l’album di debutto, anticipato ad agosto dal singolo “Sedile posteriore”, e parte il tour promozionale in tutta Italia. Il disco viene recensito dalle principali testate e, dopo la presentazione a Rai Radio 1, il videoclip di “Un’altra canzone” esce in anteprima su Repubblica.it.

Finalista del Premio Matteo Blasi, vincitore della Biennale di Martelive 2019, ottiene il premio Nuovo Imaie del valore di 15.000 euro per l’organizzazione di un tour in Italia e all’estero.

Nel 2020 è tra i selezionati Musicultura 2020 e vince il premio del pubblico durante la sua esibizione al teatro di Macerata, pubblica il suo primo romanzo “Luna, ovvero Nessuno”, edito da Phasar Edizioni di Firenze, ed è tra i quattro finalisti Arezzo Wave Lazio.

Attualmente è allo StraStudio di Roma per la realizzazione dei nuovi brani, registrati e mixati da Gianni Istroni e prodotti artisticamente da Giorgio Maria Condemi (Motta, Marina Rei, Spiritual Front, Operaja Criminale).

CREDITI

Leonardo Angelucci – Henné

Data di uscita 30 Ottobre 2020.

(C) Leonardo Angelucci

(P) Giorgio Maria Condemi 

Registrato, mixato e masterizzato presso lo Strastudio di Centocelle (RM) da Gianni Istroni.

Distribuito Goodfellas. 2020 Tutti i diritti riservati. 

Ufficio stampa Purr Press. Artwork di copertina e visual di Giuseppe Bravo.

ARTICOLI SIMILI:

https://www.passionevera.it/freddy-re-esce-oggi-tigri-ed-eufrate-singolo-desordio/

  • “TU” in tre pregi e tre difetti, hobbies e di cosa ti occupi.

Sensibile, altruista, creativo / testardo, permaloso, istintivo . Lavoro nella musica come cantautore, chitarrista, produttore e organizzatore di eventi. Amo l’arte a tutto tondo, scrivo, dipingo, leggo e amo viaggiare.

  • Il tuo rapporto con il tuo lavoro, ti piace quello che fai? Per te è una passione vera o ti sei adattato al contesto in cui vivi?

Per me lavorare con la musica e la creatività è la più grande soddisfazione personale: ogni mattina mi fa alzare dal letto energico e desideroso di iniziare la giornata.

  • Quali ostacoli, se ci sono stati, hai sperimentato durante il percorso e come li hai superati? Cosa diresti a chi comincia un percorso come il tuo. Quanto è stata importante per te la passione che hai messo in quello che stavi realizzando.

Ostacoli ne ho incontrati tanti e ne continuo ad incontrare. Non credo si smetta mai di incontrare ostacoli nella vita. Tutto sta proprio nella passione con cui si affrontano queste difficoltà, che ci da la forza e il coraggio di andare avanti a testa alta. Chiunque decida di lavorare nel mondo dello spettacolo, o comunque con la propria creatività, si deve armare di pazienza, umiltà e dedizione. Il nostro è un lavoro bellissimo ma non è fatto per chi si sente già arrivato, ci vuole quotidiano sacrificio. Non si smette mai di imparare e di rinnovarsi.

  • Il tuo rapporto con la vita, il tuo motto, le tue credenze.

Nonostante spesso dalle mie canzoni si potrebbe evincere il contrario, in realtà sono abbastanza innamorato della vita. Credo nella forza travolgente delle idee, nell’inarrestabile flusso positivo di emozioni traslate in opere, momenti fotografati dall’arte. Sono ateo, ho sempre creduto nella scienza e nel potere grandioso della mente umana, anche se qualche volta avverto una certa affinità con il soprannaturale, con lo spirito del mondo, insito nella natura e nelle cose animate e inanimate. Il mio motto è “solo chi ci crede fino in fondo veramente”.

  • Il tuo idolo, c’è qualcuno a cui ti ispiri per realizzare la tua vita?

Stimo molte persone, della mia vita quotidiana e del mondo dello spettacolo. L’elenco sarebbe lunghissimo. Ti dico De André, Hitchcock e Pessoa per citare musica, cinema e letteratura, ma non stimo assolutamente solo loro. Da adolescente comunque il mio idolo era Slash dei Guns, che ancora adoro come chitarrista.

  • Il libro, l’opera d’arte, o la trasmissione televisiva/radiofonica (ecc…) più famosa che avresti voluto realizzare tu

Avrei voluto scrivere Oceano mare di Baricco, e avrei voluto girare Blues Brothers di Landis. Se al Louvre la firma sotto la Gioconda fosse la mia e non quella del mio omonimo Da Vinci, anche in questo caso sarei molto orgoglioso di me.

  • La tua citazione famosa preferita

Non credo di averne una preferita, ti dico la più recente: la geografia combinata col tempo equivale al destino (Josif Brodskij).

  • Il tuo ultimo “successo” lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato di fattori esterni

I miei lavori sono sempre frutto di qualche emozione sincera che ne scaturisce la nascita e l’evoluzione. Poi come ogni cosa, si parte dall’idea istintiva e si lavora con gli strumenti acquisiti nel tempo e con l’esperienza, ma anche con la collaborazione di altri professionisti.

  • Prossimi eventi

Domanda di riserva. Spero presto, mi manca davvero tantissimo la mia socialità. Mi manca il palco, la notte, le persone, le troppe sigarette. Quelle purtroppo però ci sono anche dentro casa.

  • Contatti

www.leonardoangelucci.it info@leonardoangelucci.it

“Leonardo Angelucci” su

Facebook, YouTube, Instagram, Spotify, e chi più ne ha più ne metta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: