Limoni presenta “Voglio una tipa coi capelli blu”

Limoni, cd cover

Limoni, cantautore ferrarese presenta il suo ultimo singolo “Voglio una tipa con i capelli blu”.

Limoni, cover singolo

La sua precedente pubblicazione “C’est fini” è anche entrata nella playlist Scuola Indie di Spotify.

“Voglio una tipa coi capelli blu” è invece un pezzo tipicamente indie ma si distingue dalle precedenti pubblicazioni per le sonorità più vicine al synth-pop. 

Il lancio del brano è previsto per venerdì 10 settembre per Visory Indie (con il management di Kovoò Agency

 Voglio una tipa coi capelli blu è un pezzo con cui Limoni esorcizza tutte le delusioni del passato!

 Il brano, intriso del sentimentalismo caratteristico del cantautore, è prodotto da Node e si distingue dalle precedenti pubblicazioni, per le sue sonorità pop-punk e synth-pop.  

Limoni

Voglio una tipa coi capelli blu è un pezzo con cui Limoni si propone ancora una volta di esorcizzare le delusioni del passato. Il brano, intriso del sentimentalismo caratteristico del cantautore,è prodotto da Node e si distingue dalle precedenti pubblicazioni, strizzando l’occhio al pop-punk e a sonorità synth-pop.  
 

La tipa coi capelli blu è lo stereotipo della ragazza alternativa, l’esasperazione di un concetto che, tuttavia, sarà destinato a rimanere un ideale irrealizzabile relegato nella fantasia dell’artista. Quella ragazza non esiste e, pur ricercandola in ogni sguardo, l’autore rimarrà costantemente deluso, poiché di fatto nessuna sarà mai sufficientemente “blu”

(Limoni)

Chi è Limoni?

Cantautore ferrarese, Limoni scrive musica e tiene concerti sin dall’età di 13 anni. Ama il vino rosso e ha un talento per l’incasinarsi la vita. 

Studia pianoforte presso il conservatorio della sua città e contemporaneamente milita in diverse band alternative generando il malcontento di parecchi insegnanti della scena classica, che lo identificano come un artista controverso.

 Nell’estate 2017 un’amica lo fa appassionare alla scena indie e Limoni comincia a scrivere i primi testi in italiano, innescando un processo di rinnovamento artistico. Alcune sue esibizioni al pianoforte destano l’interesse di Kovoó Agency e Visory Records, con le quali firma il suo primo contratto discografico.


La sua musica, definita da alcuni amici “pop-strappavestiti” è intrisa di citazioni autobiografiche e tratta di sfortune amorose, relazioni incasinate e struggimenti annessi. Nel 2021 vengono rilasciati i singoli Brucia la stanzaStare Bene e C’est fini

Quest’ultimo viene subito inserito nell’ambita playlist editoriale Spotify Scuola Indie

classificando così Limoni tra i cantautori più promettenti della scena indie emergente italiana. 

Artista scrupoloso, cura ogni aspetto della sua musica, dalla composizione e stesura dei testi fino all’arrangiamento e alla produzione, venendo definito “un incubo” dai produttori con cui collabora per la maniacalità con cui affronta l’intero processo creativo.

Intervista dedicata a Limoni .Ecco cosa ci ha risposto:

“TU” in tre pregi e tre difetti, hobbys e di cosa ti occupi.


Limoni è estroverso, determinato e creativo, è però anche orgoglioso, testardo ed
egocentrico. Vivo per la musica, studio psicologia, mi piace il vino rosso e se non faccio
almeno un calcetto a settimana divento un po’ nervoso.

Il tuo rapporto con il tuo lavoro, ti piace quello che fai?


La musica è la mia più grande passione sin da bambino e tale è rimasta. Sono una
mente un po’ incasinata, da qualche parte ho bisogno di sfogarmi e le canzoni mi
aiutano in questo.

 Quali ostacoli, se ci sono stati, hai sperimentato durante il percorso e come li
hai superati?


La passione è l’unica cosa che conta, senza di quella non ha nemmeno senso
cominciare. Di ostacoli ce ne sono stati tanti, ce ne sono tutt’ora e ce ne saranno
sempre, siamo fatti di problemi e sta a noi trovare le vie adatte a risolverli. L’ostacolo
maggiore è il deprimersi quando i risultati non arrivano e da questo deriva il mio
consiglio a chi intraprende questo tipo di percorso: non mollare mai. È difficile, perché i
momenti in cui ci si scoraggia sono tanti, ma quella è l’unica vera chiave.

Il tuo rapporto con la vita, il tuo motto, le tue credenze.


Complicato, fondamentalmente io e la vita ci prendiamo per i fondelli a vicenda. Il mio
motto è “Hai una bella fetta di responsabilità in quello che ti succede”. Penso che la
consapevolezza di questo aspetto ci possa far capire che tante volte le situazioni in cui
ci ritroviamo e di cui ci lamentiamo dipendono da noi e che abbiamo la possibilità di
agire sugli eventi, di cambiare le cose se lo vogliamo davvero, anche se questo richiede
impegno e sacrificio.

Il tuo idolo, c’è qualcuno a cui ti ispiri per realizzare la tua vita?


Billie Joe Armstrong. È partito dai bassifondi, ha dato tutto per la musica, la musica gli
ha dato tutto e non ha mai cambiato il suo modo di essere, il fatto di essere diventato
una rockstar non gli ha dato alla testa.

 Il libro, l’opera d’arte, o la trasmissione televisiva/ radiofonica (ecc…) più
famosa che avresti voluto realizzare tu


La libertà che guida il popolo di Delacroix e la Ballata in sol minore di Chopin. Non so
spiegare il perché, sono due opere che mi travolgono a livello emotivo.

La tua citazione famosa preferita


“Nessuno uscirà vivo di qui” (Jim Morrison). Non buttare via il tuo tempo che di vita ne
hai una.

Il tuo ultimo “successo”lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua
spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato di fattori esterni


Come dicevo, attribuisco una grande parte di responsabilità a me stesso nei miei successi
come nei miei insuccessi e questo deriva in gran parte dall’esperienza, da quello che ti
succede e come questo ti fa crescere. Ogni canzone che scrivo mi insegna qualcosa in più
della precedente.

Prossimi eventi


Il prossimo live sarà un concerto unplugged pianoforte e voce a Ferrara presso Laudano
e Misture, una location davvero esclusiva in pieno centro. Vi aspetto numerosi!

/ 5
Grazie per aver votato!