QIRSH -ASPERA TEMPORA parte 1il nuovo album

Qirsh

Qirsh-A ottobre è uscito il terzo album dei Qirsh, un concept album prog-rock sul tema delle paure dell’uomo:

le paure adolescenziali delle false voci, la paura del vuoto, la paura della solitudine, del dolore, del giudizio divino.

Qirsh- Rispetto ai primi due album della band,  Aspera Tempora sterza ulteriormente verso una dimensione ancora meno commerciale e più ’progressive’,  per quanto riguarda il tema, ma anche nelle sonorità e nella durata dei brani. 

Il suono unisce elementi più’classici’ (organo, strings, piano) ad elementi più rock ed elettronici, con effetti vocali e atmosfere in continua evoluzione. 

Don’t fear hard times, the best comes from them”, la frase che compare sul retro del cd (che esce nell’elegante formato ‘digipack’) descrive il messaggio dell’album: i momenti di paura sono momenti difficili, e i momenti difficili ci fanno paura, ma è da quelli che tiriamo fuori il meglio di noi stessi

L’album esce per l’etichetta Lizard Records
Created with GIMP
Formazione
  • Andrea Torello        basso, voce
  • Daniele Olia            chitarre, tastiere, liuto, voce
  • Leonardo Digilio     tastiere, piano, sinth
  • Marco Fazio             batteria
  • Michele Torello      chitarre
  • Pasquale Aricò        voce, tastiere
  • Giulio Mondo           batteria, percussioni

Rumors: la paura delle false voci, le dicerie, i pettegolezzi.  Possono fare male e  segnare l’esistenza. 

Dagli scherzi adolescenziali, fino alle accuse più pesanti,  dall’antichità all’epoca moderna hanno colpito personaggi famosi, artisti, persone comuni, e c’è chi non ha resistito. I rumors hanno fatto vivere, per breve o per lungo tempo, nella paura di quello che gli altri dicevano di noi, talvolta in una costante sensazione di inadeguatezza, tra il desiderio di sparire, e quello di vendicarsi… ma alla fine il tempo mette tutto a tacere. 

Aer Gravis: la paura del vuoto, dei grandi spazi, delle altezze, la vertigine quando si arriva all’ultimo scalino.

 Il primo volo, il primo tuffo in un baratro d’aria; le gambe si fermavano, la testa risuonava, un forte peso sul petto. ‘Aer Gravis’, aria pesante.  Ma poi, una frazione di secondo dopo il salto, tutto diventava bellissimo.

Quel momento: Alcuni anni fa, un giorno quasi per scherzo lei mi chiese: “perché non scrivi una canzone per me??”  Il mio pensiero andò subito all’ultima volta in cui avevo effettivamente scritto una canzone per una ragazza, ma si trattava di un’occasione, anni prima, in cui la relazione era appena finita, e avevo sentito il bisogno di mettere in musica tutte le sensazioni.  Allora mi venne la paura che anche la nostra storia prima o poi potesse finire, e le risposi subito (o forse l’ho bisbigliato, o forse solo pensato) “spero che non avrò mai un motivo per scrivere una canzone per te… spero che quel momento non venga mai”. 

Hurt: a volte la paura del dolore è più forte del dolore stesso.  Dedicato a chi ha paura di farsi male, e a chi si è fatto male veramente, irreversibilmente, al lavoro o nella vita.   

Anansi: Il ragno dopo l’accoppiamento si offre in pasto alla sua compagna come cibo per i suoi figli, secondo le leggi della natura.

‘Non risparmiarti’.  Anansi è l’orrore lucido del destino scritto, l’accettazione della sorte e della morte come passaggio necessario alla vita, una parentesi dell’album in cui la paura cede temporaneamente il passo alla malinconia, prima di precipitare di nuovo nello sgomento  irrazionale di fronte al divino.

Oremus: Religione e superstizione.

Processioni, danze, riti e rituali… ognuno coi suoi tempi e i suoi colori. La paura degli Dei che scrutano gli atti dell’uomo per punirlo. Le risposte alle varie malattie dell’anima, la risposta alla paura principale dei popoli: la paura della morte. Le religioni hanno accompagnato l’uomo fin dalle origini e per tutta la sua storia fino ad oggi, influenzandone l’evoluzione. “Gridano le anime dei dannati mentre precipitano all’inferno” (D. Piredda). 

Si chiude così, con la principale delle paure primordiali, la parte 1 di Aspera Tempora.

Biografia

I Qirsh sono nati a Savona nel 1993.  Muovono i primi passi tra feste scolastiche e concorsi per band emergenti, proponendosi inizialmente come cover band pop-rock: tra il 1996 e il 2001 girano i pub e i locali della Riviera Ligure, con una scaletta di più di due ore a base di Pink Floyd, Queen, U2, e tanto altro.

Oltre alle cover c’è però spazio anche per le proprie canzoni: nel 1997 viene dato alla luce il primo album, “Una città per noi”, 12 brani tra pop e psichedelia, sebbene si tratti di un lavoro ancora molto ‘giovanile’. 

In quegli anni, così come in quelli successivi, in qualche modo riescono a esibirsi anche in situazioni o luoghi particolari, come il ponte di una motonave in navigazione, in cima a una fortezza, su un camion, sul tetto di un pub, all’ingresso di una banca, in un maneggio, o nelle sale del Museo Alfa Romeo.  

Tra il 2002 e il 2012 l’attività live del gruppo rallenta, causa impegni di lavoro e trasferimenti in altre città, ma non si ferma: prima di tutto perché i componenti della band sono tutti amici di vecchia data, e poi perché non riescono a restare lontano dalla musica per troppo tempo. 

Ed è così che nel 2014, sotto l’etichetta Lizard Records,  esce il secondo album del gruppo, il primo album ‘serio’:  “Sola Andata”, un concept album di 9 brani, ognuno con un proprio stile e una propria atmosfera, ma con un tema comune: il viaggio. Viaggi di esplorazione, viaggi nella cronaca,  viaggi nella mente o nelle proprie ansie.  L’album riceve ottime recensioni sui principali siti/blog/fanzine internazionali; il genere viene definito un mix di progressive, space rock, rock alternativo, …e tante altre definizioni che ai Qirsh stanno sempre troppo strette (o troppo larghe, dato che non vogliono mai prendersi troppo sul serio). 

QIRSH Nel 2020, dopo tre anni di gestazione, esce Aspera Tempora parte 1

La formazione del gruppo è praticamente invariata da più di 20 anni:  al nucleo originario composto da Daniele Olia, Andrea Torello e Michele Torello si sono aggiunti quasi subito  Marco Fazio e Leonardo Digilio, poi Pasquale Aricò pochi anni dopo; nel 2020 per le registrazioni di Aspera Tempora si unisce anche Giulio Mondo.  

QIRSH Ed è già tempo di pensare al futuro        

Distribuzione album

MaRaCash      www.maracash.com

Pick Up           www.pickuprecords.it

Syn-Phonic    www.synphonicmusic.com

Inoltre, è disponibile in download digitale sulle piattaforme online Spotify, iTunes, Amazon, Music, Google Play
Info e Contatti

infoqirsh@gmail.com

https://qirsh.wordpress.com

Facebook @Qirsh

Instagram @qirshofficial

www.lizardrecords.it

lizardopenmind@yahoo.it

articoli simili:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: