The Blackpool Beatles tribute band dopo Tale e quale show si presentano su Passione Vera

theblackpoolbeatlestributeband

John Lennon (1940-1980), Paul McCartney (1942), George Harrison (1943-2001) e Ringo Starr sono rispettivamente interpretati da Dario Del Viscio, Vittoriano Ameruoso, Maurizio Eracleo e Teodosio Gentile nella tribute band dei “The Blackpool Beatles”.

La band dei “The Blackpool Beatles” nasce nel 2014, ben 8 anni fa! E’ formata da ragazzi pugliesi che cantano per passione. Recentemente la band ha partecipato al programma di Carlo Conti “Tale e quale” posizionandosi all’ultimo posto in classifica ma ricevendo complimenti da tutti i giudici eccetto Cristiano Malgioglio…

The Blackpool Beatles tribute band

Ma chi sono questi ragazzi e come hanno vissuto questa esperienza così forte?

Abbiamo intervistato per voi Dario Del Viscio nei panni di John Lennon e Teodosio Gentile che ha interpretato Paul McCartney.

Ragazzi parlateci di voi…

Dario:Sono una persona che prende la vita come viene, ambisco sempre a qualcosa di diverso, è chiaro, cerco di non accontentarmi mai. Allo stesso tempo so che solo l’impegno può portarmi a dei risultati concreti, dipende solo da me. Più che passione direi che ho molto spirito di adattamento, in base alle occasioni e al contesto che vivo. Per me, questa esperienza col gruppo è stata una vera rivoluzione, per dirla con i Beatles. Non avevo mai pensato di approfondire lo studio di una band al punto da doverne suonare le stesse partiture o imitarne le movenze, ci sono stati dei momenti in cui ho pensato di lasciar perdere, ma con ostinazione ho superato questo ostacolo, che poi è l’unico che ho trovato, come dire “siamo noi il nostro più grande ostacolo”. A chi incomincia un percorso come il mio direi semplicemente “buona fortuna”, ogni vita ha una storia a se stante. Quanto alla passione, se non ci fosse stata, probabilmente non sarei qui.

Teodosio: Se dovessi parlare dei miei pregi direi che ho una certa bontà d’animo, provo ad ascoltare sempre le necessità degli altri, disponibilità. I difetti? Sono Pigro, Troppo riflessivo, pignolo…Hobbys: da 18 anni porto avanti, con mille fatiche, un progetto musicale di tributo ai Beatles; riscontrando un’ottima risposta da parte del pubblico e dei nostri fans. Occupazione: sono un Ingegnere Gestionale che si occupa di Gare d’appalto per servizi di Facility management ma con la musica nel cuore, che curo come un secondo lavoro. Leggo, ma non troppo! (dovrei farlo di più). Amo viaggiare (ma non in questo periodo storico!). Il mio rapporto con la vita è quasi sempre di tipo ottimistico. Cerco di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno e non mi creo mai troppe illusioni cercando di prendere il bello delle piccole cose. Il mio motto: Se ti ci metti con impegno, raggiungi qualsiasi risultato! Credenze: non ho precise credenze…ma credo nelle persone vere che mi dimostrano di esserlo. (Francamente non ho capito bene la domanda…)

Quell’opera d’arte, programma tv , libro che avreste voluto realizzare voi…Il rapporto col vostro lavoro?

Dario: Avrei voluto dipingere “La Libertà che Guida Il Popolo” di Delacroix. Oltre a essere un idealista nonché un amante del romanticismo sono una persona molto sensibile alle questioni sociali, anche se non le affronto mai con piglio troppo polemico o comunque non mi esprimo molto pubblicamente. Tuttavia, ogni volta che guardo quel dipinto, penso al fatto che ai giorni nostri vivano ancora oppressori e tiranni a piede libero, di conseguenza mi sembra sempre molto attuale. Il mio ultimo “successo lavorativo”, cioè la partecipazione con i Blackpool alla trasmissione Tali e Quali di Carlo Conti, è completamente frutto di spontaneità e casualità, suono da circa diciassette anni, forse l’esperienza mi ha influenzato semplicemente nel modo di affrontare la cosa, e cioè con estrema tranquillità. Per tutto il resto… c’è RaiPlay.

Vi ispirate a qualcuno in particolare nella vita? Citazione preferita

Teodosio: Il mio rapporto con la vita è quasi sempre ottimistico. Cerco di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno e non mi creo mai troppe illusioni cercando di prendere il bello delle piccole cose. Il mio motto è: Se ti ci metti con impegno, raggiungi qualsiasi risultato! Credenze: non ho precise credenze…ma credo nelle persone vere che mi dimostrano di esserlo. Visto il progetto che porto avanti, il mio idolo è abbastanza scontato…ovvero, Paul McCartney. Personalmente mi ispiro molto a lui relativamente ai nostri spettacoli cercando non solo di imitare il personaggio nelle sue doti artistiche ma anche nelle sue doti di trascinatore con gli altri della band.

Stay Hungry, stay foolish…siate affamati, siate folli (Steve Jobs). Questa frase rappresenta in pieno il motto della mia esistenza!!! Avere sempre la curiosità e la forza di capire come potersi migliorare ed essere sempre un passo avanti gli altri.

Stile di vita, come inizia la giornata? Sogni nel cassetto…

Dario: Sveglia, colazione e poi dritto a lavoro. Si torna a casa, ci si mette studiare suonando e poi meritato riposo. Qualche volta, anche se mi risulta difficile. Preferisco piuttosto avere una vita molto attiva. Dopo due anni di stop, onestamente, preferisco non avere tempi morti, mi troverei in difficoltà. Sembrerebbe scontato, ma sognavo di diventare un grande musicista. Beh dai, ci stiamo lavorando…Una cosa che mi piace molto di quel che faccio, anche se non si direbbe, è incontrare sempre persone diverse, mi sento particolarmente stimolato dagli ambienti variegati. Mi ritengo un grande ascoltatore, penso anche di essere alquanto empatico, quantomeno le situazioni quotidiane altrui mi ispirano poi nell’affrontare meglio ciò che mi capita. Il mio mantra è : “you may say I’m a dreamer, but I’m not the only one”

Cosa potete dirci in merito all’esperienza televisiva?

Tutti e quattro eravamo molto emozionati, a tratti forse un po’ agitati perché si tratta di andare in onda di fronte a circa quattro milioni di persone il sabato sera, e si sa, l’unica giuria accettabile per un artista è sicuramente il pubblico.
Entrare in scena e lasciare che si alzasse il sipario è stato il momento in cui tutto è cessato intorno e c’eravamo solo noi, i nostri strumenti e le nostre voci, il bello di queste cose è che sono stati d’animo, per la maggior parte irripetibili.
Tutto quello che c’è stato intorno, ovvero le interviste e i tempi televisivi, è stata purtroppo una tappa necessaria che ci ha aiutati a prepararci meglio per il momento

Contatti dei The Blackpool Beatles tribute band:

Facebook

Instagram

Youtube

theblackpoolbeatlestribute@gmail.com

3285817534

Date

  • 11 Febbraio – Ferus Bisceglie
  • 18 Febbraio – Teatro Barium Bari
  • 5 Marzo – Teatro del fuoco Foggia
  • 24 Marzo – Demodè Bari

‘The Blackpool Beatles tribute band in pillole

‘The Blackpool Beatles tribute band‘ nasce a Bari nel 2014 da un idea dì Teodosio Gentile, ingegnere e musicista da sempre appassionato e ‘devoto’ al quartetto di Liverpool. 
Il progetto vede negli anni l’avvicendarsi di diversi musicisti professionisti baresi che si sono cimentanti nell’ interpretare i loro idoli, John, Paul, George e Ringo, ma è nel 2020, con la nuova formazione che la band trova il suo “asset” finale, che vede anche Dario del Viscio interpretare John Lennon, Vittoriano Ameruoso impersonificare George Harrison e Maurizio Eracleo nei panni di Ringo Starr. La band ripropone il repertorio dei quattro baronetti di Liverpool, dal 1962 al 1970 in uno show che ripercorre le fasi della storia della band che ha cambiato la storia della musica. Dalle canzoni degli esordi come ‘She loves you’, ‘Love me do’ e ‘Help!’, agli scatenati rock’n’roll di ‘Twist & shout’ e ‘Day tripper’, passando per il periodo psichedelico con brani come ‘Strawberry fields forever’, ‘All you need is love’ e ‘Penny lane’, fino all’ultima produzione beatlesiana con brani come come ‘Together’, ‘Let it be’ e ‘Hey Jude’.
Dopo diversi anni di concerti, a novembre arriva la chiamata dalla Rai per partecipare al programma condotto da Conti. In realtà non una prima volta per il quartetto di musicisti trentenni, nel 2015 vengono invitati da Fabrizio Frizzi per la trasmissione ‘Vedi chi erano i Beatles’, realizzata in occasione del cinquantesimo anniversario del primo concerto dei Beatles in Italia.
Sette anni dopo il ritorno in prima serata, con una diretta in programma alle 21.25 su Rai Uno, con alle spalle un bagaglio di numerosi concerti in piazze e teatri di tutt’Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: