Conversano: il Presepe Vivente Medievale a dicembre

Conversano, presepe

Appuntamento il 17 e il 18 dicembre nei vicoli del centro storico di Conversano

Dicembre magico: sabato 17 e domenica 18 dicembre, nel suggestivo centro storico di Conversano, si svolgerà la seconda edizione del PRESEPE VIVENTE MEDIEVALE – A.D. 1223 ideato e organizzato dall’Associazione di promozione sociale SensAzioni del Sud di Conversano e dal Gruppo Storico Città di Conversano.

Un evento che si preannuncia come momento di grande richiamo all’interno del calendario Borgo di Natale che raccoglie le iniziative dedicate al Natale del Comune di Conversano.

Il Presepe Vivente Medievale si ispira al primo presepe vivente realizzato in Italia e nel mondo. Era la notte del 24 dicembre dell’anno 1223 e a Greccio la Natività di Cristo fu ricreata da San Francesco d’Assisi con l’aiuto del popolo e del nobile signore di Greccio.

Vogliamo che il tempo si fermi e la storia riprenda vita in luoghi in cui sono protagonisti le pietre, gli archi, le corti, i torrioni e gli iosr”, spiega Gabriele Corianò, confermato alla Direzione Artistica dell’evento.

Il Presepe Vivente Medievale si inserisce all’interno di un percorso già avviato dall’associazione SensAzioni del Sud con l’evento di rievocazione storica LE NOTTI DELLA CONTEA che si tiene a Conversano   ogni anno in agosto.

IL PERCORSO DEL PRESEPE CON SCENE RIEVOCATIVE E DEGUSTAZIONI

Nel periodo natalizio Conversano, esattamente il 17 e il 18 dicembre, rivivrà le sue origini medievali attraverso artigiani, musici, cavalieri, dame e popolani che in abiti storici del XIII secolo daranno vita ad un presepe vivente. I visitatori passeggeranno lungo un percorso di circa 1,5 km che toccherà i più caratteristici angoli della città vecchia fino a raggiungere la grotta della natività.

Sul percorso saranno ricreate alcune scene rievocative: L’annunciazione a Maria; La visitazione di Maria ad Elisabetta; L’annunciazione a Giuseppe; Erode Re di Giudea; La Natività.

Inoltre, gli avventori scopriranno gli antichi mestieri attraverso il banco delle Farine, del Panettiere, dello Speziale, del Mastro Cerusico, del Geniere con modelli di macchine d’assedio, dell’Armoraro, dell’Armaiolo, ilBivacco degli Armati, del Coramaio, dell’Arcaio, della Tintura delle Stoffe, della Tessitura, del Musivarius – lavorazione tessere per mosaici, del Liutaio, dei Musici, del Cartaio e del Cestaio.

Sarà possibile degustare pietanze tipiche medievali e della tradizione pugliese.

A Conversano potrete immergervi nella magia del Santo Natale fra storia, tradizione, bellezze monumentali e bontà gastronomiche.

/ 5
Grazie per aver votato!