Lucia Massaglia autrice di “Non è mai troppo tardi”(Pav edizioni).Intervista

Lucia Massaglia

Lucia Massaglia è autrice del libro “Non è mai troppo tardi” Pav edizioni, una storia che vi coinvolgerà con la sua trama e pathos. Di cosa parla il libro?

Lucia Massaglia tratta tematiche forti in modo coinvolgente, ci sono riferimenti all’alcolismo condite dalle sfumature romantiche di un amore complicato e sofferto…

LUCIA MASSAGLIA

Nella città di Vinci vivono Carola e Ludovico, di 57 e 63 anni. Amministratore
delegato di una nota azienda fiorentina lei e imprenditore
edile lui. Sono sposati da 34 anni e la loro relazione non è di
certo delle più semplici. Nell’arco degli anni infatti hanno affrontato
un sacco di sfide che, mano mano che gli anni passavano, hanno
corroso sempre più il loro rapporto fino a farli arrivare ad un bivio.
Si sono ritrovati a decidere tra salvare la loro relazione e affrontare
i loro problemi o lasciarsi. Intrapresa la strada della terapia come
ultimatum, si ritrovano a ripercorrere a ritroso la storia del loro
matrimonio e così si alternano flashback in cui ripensano a quando
si sono conosciuti, al matrimonio, i figli. Arrivan
o anche a snocciolare
i fatti più tragici della loro storia: la perdita di un loro amico,
l’alcolismo di Ludovico. Il tutto condito da un’evoluzione inaspettata,
in meglio, del loro rapporto. La terapia sembra funzionare,
stanno andando molto più d’accordo, fino a che un ammiratore
misterioso decide si confessare il proprio amore a Carola. Questo
potrebbe vanificare tutto il percorso fatto in quei mesi, mettendo
in crisi l’amore di Carola per il marito.

“Non è mai troppo tardi” Pav edizioni,
Lucia Massaglia

“TU” in tre pregi e tre difetti, hobbys e di cosa ti occupi.

Per quanto riguarda i pregi…Beh sicuramente sono appassionata, determinata, organizzata. Per quanto riguarda i difetti alcune volte impulsiva, perfezionista, sensibile.

Di Hobby purtroppo o per fortuna ne ho tanti: quelli più longevi però sono senza ombra di dubbio la lettura e l’acquistare un sacco di libri, mi piace la fotografia, e tutto quello ruota attorno al mondo del vino.

Al momento la mia principale occupazione sono la famiglia e il portare avanti la scrittura.

Lucia, scrivere per te è una passione vera o …?

Al momento non posso considerare la scrittura un vero e proprio lavoro, sicuramente spero e sogno che lo diventi. Per me la scrittura è una vera e propria passione.

Alla parola “ostacoli” tu cosa mi rispondi?

Come in tutti i campi le difficoltà ci sono e non sono poche. Il mondo dell’editoria è un bellissimo mondo ma pieno di ostacoli. Non è facile emergere. A chi piacerebbe vedere un proprio romanzo pubblicato sicuramente consiglio di non darsi per vinto, di puntare all’obiettivo ma allo stesso di restare umile, sempre pronto a cogliere i consigli di chi è più bravo o da chi è nel campo da più tempo.

Il tuo rapporto con la vita, il tuo motto, le tue credenze.

Chi mi conosce mi dice sempre che vivo la mia vita a 1000 e non mi abbatto mai davanti agli ostacoli. In realta non è proprio così, anche io ho i momenti “no”, cerco però di restare positiva il più possibile. Credo che la vita sia una sola e vorrei viverla a pieno il più possibile con tutti i suoi pro e contro.

I motti che mi accompagnano da sempre sono prevalentemente due, magari per alcuni banali, ma a me caricano un sacco: “Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Mahatma Gandhi”; “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni.
Eleanor Roosevelt”

Il tuo idolo, c’è qualcuno a cui ti ispiri per realizzare la tua vita?

Non ho dei veri e propri idoli a cui ispirarmi. Diciamo però che mi piace tanto cogliere la forza, la tenacia, in tutte quelle donne che si sono fatte strada in un mondo, che per certi versi, è ancora molto indirizzato verso gli uomini

Il libro, l’opera d’arte, o la trasmissione televisiva/ radiofonica (ecc…) più famosa che avresti voluto realizzare tu.

Senza ombra di dubbio il mio libro preferito “Orgoglio e Pregiudizio” di Jane Austen. Il tuo ultimo “successo” lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato di fattori esterni. Il mio primo romanzo è stato un mix di esperienze, emozioni che ho vissuto e alcuni fattori esterni. Ho cercato comunque di trasmettere in parte quella che sono io.

Sui social mi trovate su instragram , vi aspetto per sapere cosa ne pensate del mio libro!

INSTAGRAM
COLLEGATI SU INSTAGRAM SE VUOI RESTARE IN CONTATTO CON LUCIA MASSAGLIA




 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Un post condiviso da FabiaTonazzi(giornalista) (@fabia_tonazzi)

/ 5
Grazie per aver votato!