Michela Alessandra Allegri presenta “Indaco Chiaro Notturno”. Il suo motto? “unire dove gli altri dividono”

Ciao! Oggi ho intervistato per voi Michela Alessandra Allegri, autrice di libri per passione. Il suo libro si chiama “Indaco Chiaro Notturno” Pav edizioni, uscito nel 2018. Un libro di narrativa dalla trama intensa, coinvolgente…Esattamente come lei.

Conosciamola meglio…

Michela Alessandra Allegri
Michela Alessandra Allegri

“TU” in tre pregi e tre difetti, hobbys e di cosa ti occupi.


Sono in genere una persona molto solare (mi piace tanto far sorridere le persone),
autoironica e appassionata in tutto ciò che faccio. Se dovessi elencare tre difetti direi
assolutamente la testardaggine (quando mi punto su qualcosa è la fine ahahah), a
volte mi distraggo facilmente e l’eccessiva sensibilità, che cerco spesso di marginare.

Sono cresciuta con la passione per i Motori (che porto avanti ora grazie al lavoro), la
fotografia (ho lavorato a londra come fotografa di moda e ritrattista per Canon UK e
il London Fashion Week ma nacque tutto dalla mia esperienza da autodidatta), la
scrittura (ho pubblicato il mio primo libro Indaco Chiaro Notturno con Pav casa editrice
nel 2018) e i videogiochi a cui mi sto dedicando tantissimo grazie al progetto Gamer
Shots (la mia community di fotografia virtuale in game) e la community de Il Gamer
Ignorante di cui faccio parte da due anni grazie alla quale sto avendo la possibilità di
conoscere persone meravigliose che condividono questa passione.

Lavorativamente parlando, mi occupo di automotive: io e mio padre abbiamo una
rivendita di auto usate nel nostro paese d’origine, Terralba (nella provincia di
Oristano), sono un agente finanziario e mi occupo di marketing e rapporto con clienti
e fornitori, oltre che la vendita.

Il tuo rapporto con il tuo lavoro, ti piace quello che fai? Per te è una passione vera o ti sei adattato al contesto in cui vivi?


Mi piace davvero tantissimo tutto ciò che faccio
Direi che tutto per me è una passione vera: negli anni ho cambiato tante volte il mio
percorso di vita, non mi sono mai accontentata.

Lavoro da quando andavo a scuola, ho sempre voluto essere indipendente e guadagnarmi tutto ciò che ho: credo che sia una soddisfazione immensa! Ho deciso nel 2016 di tornare in Italia per affiancare mio padre nel lavoro dopo aver vissuto due anni a Londra: dopo aver fatto la gavetta a livello aziendale, ora dopo svariati corsi e sacrifici sto riuscendo a ricoprire pian
piano un ruolo sempre più amministrativo che, senza ombra di dubbio, ad esser
sincera da una parte mi spaventa da morire ma mi sta regalando anche tante
soddisfazioni (tra cui senz’altro la possibilità di vivere per conto mio e di poter
sviluppare i miei progetti).

Quanto è stata importante per te la passione che hai messo in quello che stavi realizzando. Michela Alessandra Allegri il tuo rapporto con la vita, il tuo motto, le tue credenze.


Sono del parere che, per realizzare i propri sogni e le proprie passioni, ci voglia
tanta, tantissima passione e pazienza. Pazienza, costanza e forza. Nessuno dice che è
facile, anzi! Forse è proprio questo che rende la riuscita dei propri progetti sempre
più soddisfacente: quando siamo più piccoli, tendiamo a vedere un po’ tutto sotto
quella luce un po’ cupa e incerta che ci rende “insaziabili di bellezza”, continuamente
alla ricerca di un qualcosa che, in quel momento, difficilmente arriva.

Dico questo non per avere la presunzione di avere chissà quale saggezza, ma perché durante
l’adolescenza avrei tanto voluto qualcuno che mi dicesse queste cose per darmi
speranza, per farmi capire che dovevo aver pazienza, che la motivazione e la forza
d’animo sono fondamentali per la realizzazione di qualsivoglia progetto o ambizione:

i soldi non bastano per far in modo che tutto si possa realizzare. Ci vuole quel
qualcosa in più che ci fa alzare la mattina e dire “io la mia situazione la voglio
cambiare” ed è un qualcosa che con i soldi non c’entra niente. Quelli arrivano
successivamente, non abbattetevi!

La frase “chiusa una porta, se ne apron altre cento” è veritiera al massimo: mettetevi sempre in discussione, fate introspezione, fate in modo di diventare la versione migliore di voi stessi e circondatevi di bellezza, di persone che vi spronano ad esserlo, a diventarlo. Non ci si deve sentire mai arrivati!

La vita ci dà sempre mille e più occasioni per crescere e imparare qualcosa
in più: l’importante è esser pronti e ricettivi, accettando anche le critiche e i momenti
difficili, con la consapevolezza che essi non durano in eterno.


Il mio motto è “unire dove gli altri dividono”, sempre e comunque.
Credo che l’unione tra le persone sancisca una forza inarrivabile, un qualcosa che
non si può comprare da nessuna parte ed è assolutamente una risorsa che nel Mondo
dovrebbe essere in prima linea.

Tutto è energia: l’amore, il sorriso di una persona, una canzone, un abbraccio al momento giusto, il supporto di un famigliare o di un amico, un orecchio teso ad ascoltare il verso di un libro: sta a noi incanalare quell’energia nel modo giusto, trasformare ad esempio il disprezzo in gentilezza, la cattiveria in una carezza e così via.

Una volta che capiamo che le emozioni negative devono stare fuori dalla nostra vita, tutto pian piano cambia: è una conseguenza per l’appunto dell’energia che rilasciamo e che, volente o nolente, va ad influire su tutto ciò che ci circonda.

Il mio rapporto con la vita è questo: non farsi mai trasformare
negativamente dalle esperienze negative vissute ma usarle come trampolino di
lancio per migliorare tutto completamente.

Il tuo idolo, c’è qualcuno a cui ti ispiri per realizzare la tua vita?


Sicuramente la mia mamma in primis, ma anche mio papà (anche se con lui ho avuto
un trascorso decisamente burrascoso che abbiamo appianato solo negli ultimi anni).
Lei mi ha cresciuta con una sensibilità senza precedenti, lui mi ha fatto capire sin da
subito che tutto in questa vita va guadagnato (forse anche troppo ahahaha): tutto
ciò mi ha resa poliedrica, dolce ma fortissima, sensibile ma inatterrabile.

Credo sia un mix abbastanza complicato da gestire ma assolutamente necessario. La visione
che ho dell’amore la devo assolutamente a loro: sono insieme da una vita (mia
mamma aveva 17 anni e mio padre 18) e si amano come non mai: è ciò che
sicuramente auguro per me  accantonare le cose futili per dedicarsi all’essenziale
molto spesso è di vitale importanza.

Il libro, l’opera d’arte, o la trasmissione televisiva/ radiofonica (ecc…) più famosa che avresti voluto realizzare tu


Sicuramente il mio libro preferito, CHE TU SIA PER ME IL COLTELLO di David
Grossman: l’ho letto 5 volte e non mi stanca mai! Lo trovo geniale e dolcissimo,
tormentato ma speranzoso al tempo stesso.


La tua citazione famosa preferita

In realtà sono due: “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te” e “la tua
libertà finisce dove inizia la mia”. Sono una persona molto rispettosa ed empatica,
anche se ciò spesso mi ha causato non poco malessere ma cerco sempre di
comportarmi al meglio delle mie possibilità. Tutti ovviamente sbagliamo, la
differenza sta nel chi ha la forza di ammetterlo

Il tuo ultimo “successo” lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato di fattori esterni, Michela Alessandra Allegri?


Il mio ultimo successo lavorativo e affettivo a cui mi sto dedicando anima e corpo è
senz’altro il progetto di fotografia virtuale GAMER SHOTS con cui ho raggiunto un
traguardo che non credevo di poter raggiungere: 3159 fan in una settimana e quasi
400 persone che partecipano attivamente nel gruppo!

Devo ringraziare per questo i miei amici Elisa e Alessandro che collaborano con me in questo progetto, tutto il gruppo di admin e moderatori de Il Gamer Ignorante (Ugo, Kano, Francesca, Roberta i due Andrea, Fabio, Carnage, Luca, Enrico, Michele, Alessandro) che mi ha accolto
come una famiglia credendo in me come poche persone hanno mai fatto a cui devo
tantissimo perché sono persone davvero meravigliose e amici speciali, il mio
fidanzato e la mia famiglia che hanno compreso che per me tutto questo è davvero
importante e, soprattutto, mi rende felice.

Penso poi che il resto sia una reazione del pubblico di rimando: ovviamente è grazie anche a chi mi segue che tutto ciò sta diventando possibile: a tutti loro vanno i miei ringraziamenti speciali e pieni d’affetto!

Le persone non saranno mai un numero e soprattutto sono del parere che bisogna comportarsi sempre in modo coerente e giusto con chi ha creduto in noi: sostenersi a vicenda è alla base della riuscita di qualsiasi progetto, sia che si parli di un successo spontaneo in base alla persona che si è sia che si tratti di un successo che è invece frutto di fattori esterni.

Michela Alessandra Allegri

Prossimi eventi di Michela Alessandra Allegri

  • OGNI SABATO DALLE ORE 21:30 IN DIRETTA TWITCH DIRETTAMENTE DA IL
    CANTIERE IGNORANTE: “IL SALOTTO IGNORANTE” – CHIACCHIERE
    VIDEOLUDICHE E NEWS DAL MONDO DEI VIDEOGIOCHI
  • CONTEST FOTOGRAFICO GAMER SHOTS ALL’INTERNO DEL GRUPPO STESSO

Contatti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: